• «Non si può essere «dirigenti» o «guida» di altri senza la consapevolezza di tale responsabilità; e senza, nel contempo, l’umiltà di chi sa di dover rendere un servizio che, seppur di particolare delicatezza e importanza, non dà a chi lo presta diritti di privilegio»

    Vittorio Bachelet

IN EVIDENZA

La CONFEDIR solidale con la CGIL dopo il vile assalto
Democrazia e stato di diritto più forti della violenza
La CONFEDIR chiede misure eque per i pensionati
Lettera aperta al Presidente Draghi
Rinnovo dei contratti della dirigenza pubblica e dei professionisti
Lettera aperta al Ministro Brunetta
Previdenza: fondamentale per le riforme confronto con le parti sociali
Le confederazioni della dirigenza chiedono la convocazione ai tavoli
Firmato patto innovazione lavoro pubblico e coesione sociale
La CONFEDIR firma il patto con il Ministro Brunetta

news udir

COMUNICATO STAMPA
ISTRUZIONE – Sicurezza, dati Legambiente poco allegri. UDIR: “il Pnrr rappresenta un’occasione d’oro
investiamo bene i fondi”

Il Pnrr porterà nel mondo della scuola ben 18 miliardi di euro, una cifra davvero enorme. Il rapporto di Legambiente “Ecosistema scuola” del 2020 mette a nudo tutte le verità sulla qualità dell’edilizia scolastica nel nostro Paese, non lasciando spazio a dubbi. Dal quadro emerso urge intervenire, investendo nell’ammodernamento del nostro patrimonio edilizio scolastico sfruttando i fondi in arrivo.

Marcello Pacifico (UDIR): “È necessario intervenire con urgenza, rivedendo e rivalutando la responsabilità civile e, soprattutto, quella penale imputabile ai dirigenti scolastici in relazione alla sicurezza sugli ambienti di lavoro. Il sindacato è da sempre in prima linea nella difesa del dirigente scolastico, si è più volte mostrato sensibile alla problematica, avanzando diverse proposte emendative”.

Secondo l’analisi di Legambiente la scuola italiana non gode di ottima salute: la metà degli edifici è senza agibilità e i ritardo del Sud su tempo pieno e mense è tangibile. Infatti, come riporta anche Corriere della Sera, “il patrimonio edilizio scolastico in Italia è «vetusto e poco sostenibile: un edificio su due non ha ancora il certificato di collaudo statico (46,8%), di agibilità (49,9%), prevenzione incendi (43,9%). Sale al 41% nel 2020 la percentuale degli edifici che hanno necessità di manutenzione urgente contro il 29,2% del 2019. Lo afferma il XXI rapporto di Ecosistema Scuola (dati 2020) di Legambiente sulla qualità dell’edilizia scolastica e dei servizi, sullo stato di salute di 7.037 istituti di 98 capoluoghi di provincia, frequentati da oltre 1,4 milioni di studenti. I nuovi edifici costruiti con criteri di bioedilizia sono lo 0,9%. La maggiore fragilità strutturale viene indicata nelle aree interne più soggette a terremoti e a fenomeni di dissesto mentre la fragilità sociale legata alla povertà educativa e materiale è individuata nelle periferie urbane. Gli edifici in area sismica 1 in tutta la Penisola sono il 4,1%, e quelli in area sismica 2 sono il 30,9%. Al Sud gli edifici complessivamente posti in entrambe le aree sono 86,2%”. Continua a leggere

news udir

COMUNICATO STAMPA
ISTRUZIONE – I dirigenti scolastici chiedono modifica al Piano scuola emergenza Covid-19, Udir: “Non spetta a loro certificare positività”

Marcello Pacifico (UDIR): “La scuola non è un laboratorio di analisi, non è compito dei dirigenti scolastici certificare casi di positività. Come sindacato saremo accanto ai lavoratori tutelandoli”

 

Come riporta la stampa nazionale e locale, 105 dirigenti scolastici Umbri hanno inviato e sottoscritto una lettera in cui chiedono urgentemente una modifica al “Piano Scuola emergenza Covid-19” per l’anno scolastico 2021-2022, nello specifico per la scuola primaria. «Non spetta a noi certificare la positività di uno studente; la procedura prevista per le scuole Primarie è un pasticcio e crea solo confusione: si scelga tra il modello Infanzia e quello delle Superiori», recita uno stralcio della missiva.

IL PUNTO DI VISTA DEL SINDACATO UDIR

Il sindacato, che sta dalla parte dei dirigenti, si era già posto il problema. I dirigenti scolastici UDIR appoggiano infatti “con forza questa iniziativa, fornendo supporto affinché congiuntamente si possa raggiungere l’obiettivo”. A pagina 7 del Piano Scuola emergenza Covid-19 per l’anno scolastico 2021-2022 infatti si legge che “il referente Covid della scuola segnala un caso accertato di positività”. La scuola non può accertare, nel modo più assoluto, nessun caso, non è un nosocomio né un laboratorio di analisi. Dario Tumminelli, dirigente scolastico Udir, ha commentato affermando che “la norma va assolutamente rivista. Non è la scuola che accerta, semmai è l’azienda sanitaria di riferimento che può accertare un caso di positività. Bisogna intervenire ridistribuendo e capovolgendo ruoli e responsabilità”.

IL COMMENTO DEL PRESIDENTE MARCELLO PACIFICO

Marcello Pacifico, presidente nazionale del sindacato UDIR, ha affermato che “la scuola non può e non deve essere un centro di analisi che può certificare casi conclamati di Covid-19, non si può far carico di incombenze che non le competono, né tantomeno si può chiedere al dirigente scolastico adempimenti e responsabilità che esulano dalla propria professionalità. Come sindacato saremo accanto ai lavoratori tutelando i dirigenti scolastici: non è loro compito certificare la positività”.

CONFEDIR ESPRIME SOLIDARIETA’ ALLA CGIL

Dopo il violento assalto di sabato scorso alla sede CGIL la CONFEDIR esprime la sua solidarietà e vicinanza alla confederazione, alle forze dell’ordine ed agli operatori sanitari vilmente attaccati.
I valori della nostra democrazia e le regole dello stato di diritto più forti della violenza!
Leggi la lettera inviata al Segretario Generale Maurizio Landini.

news udir

COMUNICATO STAMPA
SCUOLA – Algoritmo, dirigenti scolastici in cerca di supplenti. UDIR: “serve profonda riflessione dell’amministrazione, va migliorato”

Tutti in cattedra per l’inizio delle lezioni? Guardando alle singole province e addirittura città il progetto non ha trovato sempre riscontro. La colpa? I precari la attribuiscono al nuovo algoritmo che gestisce le operazioni ma in realtà questo problema si associa ad altri fenomeni che stanno lasciano ancora molti studenti senza insegnanti. Marcello Pacifico (UDIR): “L’algoritmo di quest’anno, per le supplenze da GPS, assomiglia per molti aspetti, soprattutto per gli errori, all’algoritmo utilizzato nella Buona scuola di Renzi. Certamente va fatta una profonda riflessione da parte dell’amministrazione su come migliorarlo, sul perché non ha funzionato correttamente e lo vediamo ancora oggi a Roma e nella provincia, sugli errori rivelati”

 

“Tutti in cattedra per l’inizio delle lezioni” era il proposito del Ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi, ma, come riporta anche Orizzonte scuola, il progetto “guardando alle singole province e addirittura città non ha trovato sempre riscontro. La colpa? I precari la attribuiscono al nuovo algoritmo che gestisce le operazioni ma in realtà questo problema si associa ad altri fenomeni che stanno lasciano ancora molti studenti senza insegnanti”.
La problematica è stata analizzata dal giovane sindacato che tutela i dirigenti scolastici: Marcello Pacifico, presidente nazionale del sindacato UDIR, ha sottolineato come “i dati che leggiamo esigono delle risposte. L’algoritmo di quest’anno, per le supplenze da GPS, assomiglia per molti aspetti, soprattutto per gli errori, all’algoritmo utilizzato nella Buona scuola di Renzi. Certamente va fatta una profonda riflessione da parte dell’amministrazione su come migliorarlo, sul perché non ha funzionato correttamente e lo vediamo ancora oggi a Roma e nella provincia, sugli errori rivelati”.
I dirigenti scolastici UDIR inoltre si sono soffermati su un’altra problematica: la questione dei dati acquisiti dall’algoritmo. “Sicuramente ci sono stati docenti – ha affermato Dario Tumminelli, dirigente scolastico Udir – che non hanno compilato correttamente la domanda, ma in altri casi i dubbi sono irrisolti. Infine certamente va rivista la normativa sulle tempistiche e sulle rinunce. Si registra una gran quantità di rinunce, senza precedenti, che lascerà gli studenti, fruitori del diritto allo studio, senza insegnanti per diverso tempo. L’esigenza pandemica ha certamente costretto l’amministrazione a nuove metodologie di reclutamento per impedire la diffusione del virus, ma è pur vero che il controllo svolto dalle organizzazioni sindacali in occasione delle convocazioni era un valido supporto e aiuto alla stessa amministrazione per prevenire e ridurre le occasioni di errori”.

news di m. perelli ercolini

IN BREVE n. 40-2021 – CASS Ordinanza_26512 30sett2021 – INPS Mess_3305 del 01ott2021 – INPS Mess_3315 del 01ott2021 – INPS Mess_3339 del 05ott2021 – INPS Mess_3341 del 05ott2021 – MIN_ISTRUZ Circolare_30142 del 01ott2021 – AG_ENTRATE Risposta_681_07ott2021

CONFEDIR CHIEDE MISURE EQUE E NON PENALIZZANTI PER TUTTI I PENSIONATI-LETTERA AL PRESIDENTE DRAGHI

La CONFEDIR chiede misure eque per tutti i pensionati.
Scarica il comunicato stampa e la lettera inviata al Presidente Draghi.

news di m. perelli ercolini

IN BREVE n. 39-2021 – La previdenza complementare nei CCNL del pubblico impiego – AG_ENTRATE Risposta_606 17sett2021 –  INPS Mess_3216 del 24sett2021 – INPS CS_Incentivi_Occupazione

news

Comunicato stampa CONFEDIR
Brunetta e lo smart working: ritorno al passato.

news udir

COMUNICATO STAMPA
ISTRUZIONE – Sicurezza, i lavoratori della scuola temono di essere contagiati, UDIR: necessaria maggiore tutela, servono più spazi

 

È altissima infatti la percentuale di lavoratori della scuola che hanno paura di essere contagiati. Di recente Udir ha commentato le parole del ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, alla Camera che ha assicurato, non molti giorni fa, l’esiguo numero di docenti e studenti in quarantena

Marcello Pacifico (Udir): “Bisogna ricalibrare la distribuzione e la composizione delle aule per rendere possibile il distanziamento sociale ed evitare di conseguenza la diffusione del virus. Il fine sarebbe quello di recuperare almeno 400 sedi di scuole autonome, sono necessari più spazi”

 

Come riporta anche la stampa specializzata, “non bastano i numeri elevati di vaccinati fra il personale scolastico, che ha superato ormai il 90%. E nemmeno l’aumento settimanale di immunizzazioni degli studenti, almeno la fascia 12-19 anni”. Sono ancora molti i lavoratori della scuola che temono di contrarre il Covid a scuola.
È altissima infatti la percentuale di docenti che hanno paura di essere contagiati e la questione non spaventa certamente meno i dirigenti scolastici che hanno responsabilità enormi, soprattutto in questo delicato momento storico. Di recente Udir ha commentato le parole del ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, alla Camera che ha assicurato, non molti giorni fa, l’esiguo numero di docenti e studenti in quarantena.
Il sindacato ribadisce che “la via più giusta da seguire sarebbe quella di contenere la diffusione del virus attraverso il giusto distanziamento sociale, da rendere possibile con l’eliminazione delle classi pollaio”. Marcello Pacifico, presidente Udir, a tal riguardo ha affermato che “bisogna intervenire sulle classi pollaio. Bisogna ancora ricalibrare la distribuzione e la composizione delle aule per rendere possibile il distanziamento sociale ed evitare di conseguenza la diffusione del virus. Come Udir abbiamo presentato molte proposte di modifica e alcune di queste sono state accolte. Il fine sarebbe quello di recuperare almeno 400 sedi di scuole autonome. Bisogna pensare che a oggi abbiamo 8mila scuole autonome per 42mila plessi, 12 anni fa erano più di 12mila”.

NEWS DI M. PERELLI ERCOLINI

IN BREVE n. 38-2021 – INDICE BREVIA 2021 – INPS Mess_1921 del 13mag2021 – AG_ENTRATE Risposta_618 del 20sett2021 – CASS_sez_IV_Penale Sent_18347-2021 – CARTA-PER-I-DIRITTI-DEGLI-ANZIANI-E-I-DOVERI-DELLA-COMUNITA –  INPS Mess_3154 del 21sett2021 (2) – INPS Mess_3187 del 22sett2021