News

news di m. perelli ercolini

IN BREVE n.14-2021 – CORTE_COST sent_59 1apr2021 – INL Nota-prot553 del 2apr2021 – INPS mess_1405 del_02apr2021 – CASS_sezIVpen sent_12806.-2021 – INPS Circ_54 del 06apr2021

news di m. perelli ercolini

IN BREVE n.13-2021 – INPS Mess_1276 del 25mar2021 – INPS Mess_1296 del 26mar2021 – DL_30 -2021 congedo_straordinario – INPS Circ_2 del 12genn2021 – INPS Circ_106 del 25lu2019 –Allegato 1 Circ_106

news

Start Magazine – 31 Marzo 2021
di Michele Poerio
Perché la CONFEDIR ha firmato il patto di Brunetta per il pubblico impiego

 

rapporto cnel sulla qualità dei servizi pubblici

Il 30 marzo il Presidente del CNEL, Tiziano Treu, alla presenza del Ministro per la Pubblica Amministrazione, Renato Brunetta, ha presentato la “Relazione annuale 2020 al Parlamento e al Governo sui livelli e la qualità dei servizi offerti dalle Amministrazioni pubbliche centrali e locali alle imprese e i cittadini”.

Scarica la relazione nella pagina CNEL dedicata all’evento e il contributo del Dott. Stefano Biasioli, consigliere CNEL e Past President CONFEDIR.

news di m. perelli ercolini

IN BREVE n. 12-2021 – INPS Circ_45 del 19mar2021 – INPS Mess_3114 del 07agos2018 – Trib_Roma19genn2021 n_915 – INPS Comunicato stampa – INPS Circ_46 del 22mar2021 – PROT_CIVILE Ordinanza_652e651

news di m. perelli ercolini

IN BREVE n. 11-2021 – INPS Circ_44 del 15mar2021 – INAIL rapporto_iss_covid-19_n._4_2021d_1_ – AG_ENTRATE Risp_177_16mar2021

news UDIR

COMUNICATO STAMPA
DIRIGENTI SCOLASTICI – Patto per l’innovazione del lavoro pubblico e la coesione sociale, l’analisi di Udir

Il sindacato dei dirigenti scolastici UDIR, in riferimento al Patto per l’innovazione del lavoro pubblico e la coesione sociale a firma del Presidente del Consiglio dei Ministri, del Ministro per la Pubblica Amministrazione e delle maggiori sigle sindacali
formula le elaborazioni e proposte di seguito riportate

Il sindacato assume come strategico il punto di vista del Presidente del Consiglio Draghi che nel suo discorso al Senato ha riconosciuto che “nell’emergenza l’azione amministrativa, a livello centrale e nelle strutture locali e periferiche, ha dimostrato capacità di resilienza e di adattamento grazie a un impegno diffuso nel lavoro a distanza e a un uso intelligente delle tecnologie a sua disposizione. La fragilità del sistema delle pubbliche amministrazioni e dei servizi di interesse collettivo è, tuttavia, una realtà che deve essere rapidamente affrontata”.
Il discorso dell’alta figura istituzionale sembra riguardare più che altre attività pubbliche proprio la scuola che con notevole sorpresa degli stessi attori del processo educativo, nell’attuale stato di emergenza, ha dimostrato capacità di resilienza e di adattamento grazie a un impegno diffuso nel lavoro a distanza e a un uso intelligente delle tecnologie a sua disposizione. È sotto gli occhi di tutti infatti la grande flessibilità e capacità di adattamento e resilienza, in condizioni che sono mutate con una rapidità frastornante, che ha caratterizzato l’azione di capillare presenza educante e formativa messa in campo dalla scuola italiana in tutti i suoi ordini e dislocazioni territoriali. La scuola italiana infatti si era preparata per tempo per questo inaspettato e non programmato esperimento formativo, probabilmente il più grande che la storia conosca, avendo proprio i Dirigenti Scolastici nell’ultimo ventennio dotato le scuole di hardware e della conseguente ricaduta formativa su alunni, personale docente e ATA. Il trascorso anno, segnato dalla pandemia, ha reso più solida la dotazione di strumentazione informatica nelle scuola e la capacità di corretta utilizzazione da parte di tutti gli attori del processo formativo. Una prima conclusione è che non si può arretrare rispetto a queste dinamiche, in gran parte acquisite, perciò da consolidare e ampliare.
In relazione al reperimento delle indicazioni guida e dell’individuazione delle risorse si riparte dal documento citato ad apertura di questa nota, nel punto in cui dice che: l’Italia del 2021 affronta la triplice emergenza sanitaria, economica e sociale indicata dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella con la consapevolezza di non poter perdere l’opportunità straordinaria del Next Generation EU e di dover perseguire, insieme alla modernizzazione del Paese, l’obiettivo cruciale della coesione sociale.
Obiettivi questi che potranno camminare sulla notevole possibilità di spesa data dal Recovery Plan e che non possono essere privati da una decisa valorizzazione professionale del lavoro pubblico, la qual cosa per quanto attiene il deprecabile scarso investimento e attenzione dato al difficile ruolo e professione dei Presidi, nei decenni appena trascorsi, sarebbe un deciso cambio di rotta, un’auspicabile novità che potrebbe segnare la fine di una lenta agonia e di un chiaro attacco strumentale alla categoria e l’innesco di un circolo virtuoso. Perché, lo diciamo con amarezza, il nostro amore per la scuola, l’alto livello di dedizione e di efficienza dimostrata nell’ordinario, come in questa attuale evenienza pandemica, è stato corrisposto con chiari atti di ostilità e di slealtà da parte di Governi, Ministeri e parte maggioritaria del panorama sindacale.
Il documento firmato Continua a leggere

Funzione pubblica – riforma pa e rinnovi contrattuali

Il Ministro Brunetta, al primo incarico nel Governo Draghi, incontra le parti sociali sulla riforma della Pubblica Amministrazione e i rinnovi contrattuali.
Presente la CONFEDIR con la sua delegazione. Leggi il comunicato.

PNRR

Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR)
Le proposte della CONFEDIR- Scarica il documento presentato all’XI Commissione del Senato.

news di m. perelli ercolini

IN BREVE n. 9-2021 – INPS Mess_802 del 24febb2021 –  INPS Mess_847 del 26febb2021 – INAIL nota 1marzo2021 – INPS Mess_918 del 03mar2021