• «Non si può essere «dirigenti» o «guida» di altri senza la consapevolezza di tale responsabilità; e senza, nel contempo, l’umiltà di chi sa di dover rendere un servizio che, seppur di particolare delicatezza e importanza, non dà a chi lo presta diritti di privilegio»

    Vittorio Bachelet

IN EVIDENZA

Audizione al Ministero del Lavoro - 27 gennaio 2020
Riforma previdenziale
Ripresa confronto parti sociali
La CONFEDIR audita al Ministero del Lavoro e Presidenza del Consiglio
Comunicato della Corte Costituzionale
La Corte apre all'ascolto della società civile
La Corte dei Conti boccia i tagli alle pensioni
Sentenza n. 6 Corte dei Conti di Trieste

News Pensioni

Tantasalute 19 dicembre 2019
Contributo televisivo del Prof. Michele Poerio

news dalle federazioni

COMUNICATO STAMPA

Dirigenti scolastici: in legge di bilancio altri 30 milioni per il Fun

È la prima volta dal 2011 che il fondo per il pagamento del salario accessorio dei capi di istituto viene aumentato al netto dei tagli attuati fino alla determinazione di quello relativo all’a. S. 2017/2018, grazie anche alla mobilitazione e alla denuncia di UDIR.
Per il giovane sindacato servono altri 40 milioni per ripristinare i tagli attuati otto anni fa per via del blocco degli stipendi, ma si va nella strada giusta. Il Governo deve affrettarsi, dichiara Marcello Pacifico, leader del giovane sindacato dei dirigenti pubblici che con il suo legale ha patrocinato il ricorso per ripristinare il versamento della RIA nel FUN a partire dal rinnovo contrattuale dal 1° gennaio 2016.
Colpisce la protesta dei sindacati confederali, convocati a Palazzo Chigi, come riporta Orizzonte Scuola, che parlano di inesistenti perdite d’acquisto, a dispetto del silenzio registrato in questi anni di lunghi tagli.

Il commento del presidente Pacifico
Il presidente UDIR si dice fiducioso: “Grazie alla battaglia portata avanti dal nostro sindacato, finalmente, qualcosa si muove, al di là del prossimo giudizio della magistratura che sarà chiamata a decidere se sono state rispettate le norme contrattuali e legislative nella determinazione della retribuzione di posizione e di risultato dei dirigenti scolastici. Il ravvedimento è tanto più opportuno in considerazione delle nuove immissioni in ruolo disposte nel corrente e nei prossimi anni”.

Le pensioni d’oro…riflessioni

Riflessioni sulla decurtazione delle cosiddette pensioni d’oro.

news di m. perelli ercolini

IN BREVE n. 50-2019 – ECM allegato X – PENSIONI Guida_Inps_2019

news di marco perelli ercolini

IN BREVE n. 49-2019 – Contratto Osped 2016-18 – The Lancet – CCNQ 19 11 2019 – INPS Mess_4385 del 26nov2019 – D.M. del 17ott2019 n_147 –  INPS Mess_4430 del 27nov2019

News

Star Magazine – 28 Novembre 2019
I regali di Natale del Governo Conte 2
di Michele Poerio

news dalle federazioni

SICUREZZA – Pacifico presidente UDIR interviene al Nazareno all’incontro organizzato dal PD

Per chiedere l’approvazione di un emendamento urgente nella legge di Bilancio che esoneri i dirigenti scolastici dalla responsabilità civile, penale, amministrativa. Bisogna inoltre sbloccare i fondi e permettere agli enti locali di mettere a norma tutte le scuole italiane, la cui metà non ha neanche il certificato di agibilità per prevenire nuove tragedie.
Il confronto è avvenuto tra dirigenti scolastici, parlamentari delle commissioni cultura e lavoro, associazioni di categoria, sindacati, Anci e Upi, alla presenza di Camilla Sgambato, Francesca Puglisi, Simona Malpezzi, Anna Ascani, Andrea Orlando.
L’incontro si è tenuto oggi, 20 novembre, presso la sede nazionale del Partito Democratico, via S. Andrea delle Fratte, n.16, alle ore 15. Presente anche il sottosegretario del Miur Anna Ascani.
UDIR ha fatto della Sicurezza uno dei suoi punti focali dell’azione sindacale, dall’intervento parlamentare durante l’ultimo legislatura, quando fu presentato un articolo aggiuntivo al decreto legislativo 81/08, all’ultima manifestazione spontanea del 30 ottobre di presidi di tutta Italia accorsi davanti Viale Trastevere per chiedere tutela dopo i recenti spiacevoli episodi che hanno portato alla sospensione dal servizio della ds Franca Principe di Sapri. In quell’occasione, Udir aveva annunciato la volontà di elaborare un emendamento al disegno di legge di stabilità per sanare la questione e rispondere alla protesta a fronte delle inutili intese raggiunte il giorno prima dai sindacati rappresentativi. Oggi l’emendamento è stato presentato e si auspica la sua approvazione dopo che sia il PD che il M5S hanno presentato delle proposte di legge sul tema. Il sindacato si è sempre occupato della faccenda, sottolineando come lo Stato dovrebbe tutelare maggiormente i dirigenti scolastici. In effetti sono troppe le colpe che vengono imputate ai dirigenti scolastici senza che questi possano prevedere o porre argini alle tragedie che colpiscono sempre più scuole in Italia: il primo responsabile è il Legislatore.
Marcello Pacifico, presidente nazionale UDIR, ha affermato che “non si può rischiare una condanna penale mentre si sta svolgendo il proprio lavoro. Il ruolo del ds, anche se saturo di responsabilità, è svolto da chi è profondamente interessato all’istruzione e al rapporto col corpo docente e coi discenti. Si stanno portando i dd.ss. a essere molto più preoccupati delle condanne piuttosto che della formazione dei nostri studenti e delle ottimali condizioni lavorative di docenti e Ata”, conclude Pacifico.

news di marco perelli ercolini

IN BREVE n. 46-2019 –  Informazioni Concorso – Casa di riposo per marittimi – INPS Mess_3971 del 31ott2019 – Carta_servizi_prestazioni_creditizie_2012 – Cass-civ_sez3 sent_26311-19

Azioni legali 2019 in materia previdenziale

ADESIONI AZIONI LEGALI 2019: il termine ultimo per le regioni che volessero ancora aderire all’azione legale è
il 30 novembre 2019

Telefonando allo 06-77204826 o scrivendo ad azionilegali@confedir.it 
(ad accezione delle regioni Basilicata – Molise – Trentino – Valle d’Aosta)

news dalle federazioni

DIRIGENTI SCOLASTICI – Sindacati rappresentativi e MIUR a confronto sulla sicurezza il 29 ottobre

Ciò accadrà alla vigilia del sit-in e della protesta cui ha aderito Udir lanciata autonomamente da più di 600 presidi non più disposti a lavorare ogni giorno con il rischio di essere sospesi dal servizio, come è accaduto alla ds Franca Principe per delle responsabilità di cui devono essere esonerati, perché non hanno il potere di spesa per gli interventi sulla messa in sicurezza degli edifici, come chiedono anche due proposte di legge del PD e del M5S al vaglio del Parlamento. Marcello Pacifico (Udir): È arrivato il momento di modificare la norma (TU, d.lgs. 81/08) nella legge di Bilancio. La politica intervenga subito senza più chiacchiere, perché la vita degli studenti e dei lavoratori deve essere tutelata.
La protesta
Ancora malumore tra i dirigenti scolastici: dopo anni in cui sono stati lasciati soli in balia delle responsabilità e di più di 105 capi d’accusa, molti di essi hanno apposto un secco “No” e credono sia giunta l’ora che lo Stato li tuteli maggiormente. Infatti, “dirigenti scolastici provenienti da tutte le parti di Italia si sono mobilitati per la questione sicurezza strutturale degli edifici scolastici. Infatti, il 30 ottobre 2019 si sono dati appuntamento all’Istituto Da Vinci di Roma per raggiungere il Miur per un sit-in che dovrebbe portarli ad incontrare se non il Ministro Lorenzo Fioramonti almeno uno o più sottosegretari. Chiedono tutela, contro delle norme che non solo considerano ingiuste ma anche pericolose per chi frequenta le scuole”. Si ricorda che protesta si è innescata in seguito alla “sentenza di condanna della Cassazione di una loro collega, ritenuta responsabile proprio in quanto preside della caduta di un ragazzo da un lucernario durante gli esami di Maturità del 2011 nella sua scuola. Quel giorno una bidella aveva lasciato aperta la porta che portava nella zona pericolosa ma comunque è stata riconosciuta anche una responsabilità «oggettiva» della dirigente”. Dunque “la clamorosa decisione della Corte ha spinto i dirigenti di tutta Italia a chiedere una riflessione al ministero sulle responsabilità per ciò che riguarda le scuole e soprattutto lo stato degli edifici scolastici”.
Il parere di Udir
Udir sta monitorando la questione che riguarda i dd.ss. da tempo: li sostiene fortemente e crede che debbano essere tutelati meglio. Infatti sono troppe le colpe che vengono imputate ai dirigenti scolastici senza che questi possano prevedere o porre argini alle tragedie che colpiscono sempre più scuole in Italia: il primo responsabile è il legislatore.
Il commento del presidente Udir Marcello Pacifico
Secondo Pacifico, “è arrivato il momento di modificare la norma (TU, d.lgs. 81/08) nella legge di Bilancio. La politica intervenga subito senza più chiacchiere, perché la vita degli studenti e dei lavoratori deve essere tutelata”. Si ricorda che, al fine di fornire un importante strumento di lavoro ai dd.ss., il sindacato Udir ha predisposto una checklist con richieste di pertinenza del DS; per richiederla, scrivere all’indirizzo mail segreteria@udir.it.