Gli uffici della CONFEDIR, in ottemperanza delle direttive governative,
resteranno CHIUSI dal 10 marzo al 13 aprile.
Per qualsiasi contatto utilizzare il consueto numero telefonico o indirizzo email
(06-77204826 – info@confedir.it – confedir@pec.it)

Comunicati

news

Intervento del Prof. Michele Poerio, Segretario Generale CONFEDIR, al Corso di aggiornamento per giornalisti tenutosi a Milano il 28 gennaio.

news dalle federazioni

COMUNICATO STAMPA
DIRIGENTI SCOLASTICI – UDIR dà indicazioni operative per le scuole in seguito all’emergenza Covid-19

Le prime disposizioni che il sindacato intende affidare ai propri dirigenti scolasti sono quelle di non creare panico per procurato allarme, nonché mantenere la calma e informare ai sensi dell’art. 36 del D.Lgs 81/08 i propri lavoratori, docenti e personale Ata, oltre a famiglie e alunni. Vediamo nel dettaglio le indicazioni.

Il Consiglio dei Ministri, su proposta del premier Giuseppe Conte, ha approvato un decreto-legge che introduce misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-2019. Il decreto interviene in modo organico, nell’attuale situazione di emergenza sanitaria internazionale dichiarata dall’Organizzazione mondiale della sanità, allo scopo di prevenire e contrastare l’ulteriore trasmissione del virus.
Pertanto, in attesa di ulteriori e specifici provvedimenti legislativi da parte del Governo delle Regioni e degli Enti locali, si forniscono alcune prime indicazioni operative per far fronte alle conseguenze derivanti sull’attività scolastica dall’emergenza sanitaria Covid-19. In particolare, vengono indicate alcune misure cautelative utili a evitare che dall’eventuale sospensione delle attività didattiche derivino conseguenze negative sia per la popolazione scolastica nella fase di apprendimento sia per le procedure di sicurezza da seguire a scuola. Le considerazioni riguardano tutte le istituzioni scolastiche italiane, di ogni ordine e grado, come da DPCM 23 febbraio 2020 e diretti destinatari delle misure previste a livello statale e locale.

INDICAZIONI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI DOCENTI
In relazione all’evolversi della situazione epidemiologica, del carattere particolarmente diffusivo dell’epidemia e dell’incremento dei casi, si riportano, di seguito, alcune indicazioni prudenziali relative alla gestione del personale, da inviare ai lavoratori Docenti – Ata, nonché alle famiglie e agli alunni. È opportuno, in questa fase; tenersi costantemente informati sui provvedimenti adottati dalle Istituzioni, ovvero: decreto legge 23 febbraio 2020, n. 6 e D.P.C.M attuativo; – ordinanze del ministro della salute d’intesa con le Regioni; indicazioni dell’Organizzazione mondiale della sanità, del ministero della Salute e dell’Istituto Superiore di Sanità; informare i lavoratori sulle regole fondamentali di igiene per prevenire le infezioni virali come da documento predisposto dal ministero della Salute, avendo cura di pubblicare sui propri siti internet istituzionali e aggiornandoli in funzioni delle disposizioni a venire; predisporre policy/regolamenti interni per il controllo dell’accesso degli esterni nei locali scolastici; informare i lavoratori che, nel caso si manifestino sintomi quali febbre, tosse, difficoltà respiratorie, è necessario che contattino le ASP/ASL locali e, in caso di impossibilità, chiamino il numero 1500 o il numero 112 , seguendone le indicazioni; evitare, negli uffici amministrativi durante il ricevimento del pubblico, il sovraffollamento anche scaglionando gli accessi avendo cura di eseguire frequenti areazioni dei locali; accertarsi che le ditte incaricate alle pulizie ordinarie o gli stessi collaboratori scolastici eseguano scrupolosamente pulizia e disinfestazione delle superfici e degli ambienti; mantenere adeguate distanze con l’utenza così come indicato dall’Istituto Superiore di Sanità; provvedere ad approvvigionare i dovuti DPI con l’ausilio dell’RSPP e del MC da fornire ai lavoratori potenzialmente a rischio; disporre di strumenti di facile utilizzo per l’igiene e la pulizia della cute che siano monouso e di facile utilizzo; sensibilizzazione a tutti i docenti e Ata che potrebbero presentare sintomi indicativi di una eventuale infezione di contattare il proprio medico curante; triage telefonico ai numeri nazionali di emergenza 112/118 o al numero verde 1500 del Ministero della Salute.
Il DPCM 23 febbraio 2020 prevede, tra l’altro, Continua a leggere

Legislazione emergenza da COVID-2019

Pubblichiamo in progressione i decreti emanati dal Governo in materia di contenimento dell’emergenza epidemiologica da COVID-2019:
GU n. 94 – 08-04-2020  – DL 23 /2020 e ulteriori misure economiche in materia di emergenza sanitaria
DPCM 09-03-2020 – Aggiornamento misure contenimento
DPCM 01-04-2020 – Proroga restrizioni fino al 13 aprile
DPCM 25-03-2020 – Estensione restrizioni (GU n. 79-2020)
DPCM 17-03-2020  – Misure economiche e sanitarie “salva Italia” (GU n. 70-2020)
DPCM 11-03-2020  – Restrizione attività commerciali
DPCM 09-03-2020 – Estensione della “zona rossa” a tutto il territorio nazionale!
DPCM 08-03-2020
DPCM 04-03-2020
DPCM  01-03-2020
DPCM 25-02-2020

Documenti di riferimento e approfondimento: 

Circolare Agenzia Entrate n. 8 del 3-4-20 – misure per il potenziamento del SSN e sostegni economici
Circolare FP sul Lavoro Agile – orientamenti ed interpretazioni per l’applicazione dello smartworking
Ordinanza Protezione Civile 658-2020
Circolare Ministero del Lavoro 24-03-2020
Circolare Ministero Interno_Segretari Comunali_Lavoro Agile

NUOVO MOD. autodichiarazione spostamenti
Protocollo condiviso
Punti chiave della Manovra Covid_ter – 16-03-2020
Direttiva Funzione Pubblica 12-03-2020
 sul lavoro agile

direttiva_coronavirus

documenti

Assistenza e previdenza: i numeri sono numeri e non fantasie

Scarica il documento a cura di CONFEDIR-APS Leonida.

incontro col ministro dadone

La CONFEDIR INCONTRA IL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA
Roma – 19 Febbraio 2020

 

La CONFEDIR, nell’incontro tenutosi a Palazzo Vidoni il 19 febbraio, ha ribadito al Ministro Dadone quanto esplicitato nel documento trasmesso ad ottobre 2019. Le nostre proposte sono state ampliate con un paragrafo dedicato alla ricerca, ritenuta elemento fondamentale e non più trascurabile per lo sviluppo del Paese.
Il Segretario Generale ha ribadito che per la Confederazione resta fondamentale la netta separazione della gestione amministrativa da ogni interferenza della politica, è prioritario riaffermare e rendere concretamente possibile il ruolo di una dirigenza pienamente responsabile.  Il maggior punto di criticità del sistema, da sempre da noi denunciato, è dovuto sostanzialmente dal dilagare degli incarichi di tipo fiduciario.
E’ necessario, altresì, affrontare alcuni temi non più rinviabili quali conferimento e revova degli incarichi dirigenziali, sistemi di valutazione e formazione.
Sul rinnovo dei contratti per la CONFEDIR Continua a leggere

news dalle federazioni

COMUNICATO STAMPA
Convegno nazionale di UDIR sulla sicurezza, appuntamento il 29 febbraio a Palermo

Marcello Pacifico, presidente nazionale UDIR: “Molti edifici non sono in sicurezza, i ds devono essere messi nelle condizioni di conoscere le loro responsabilità”. Guarda lo spot del convegno

Il prossimo 29 febbraio si svolgerà il convegno nazionale di UDIR “Scuole in sicurezza”. L’appuntamento, organizzato dal giovane sindacato dei ds e dall’ente di formazione Eurosofia – è in calendario a Palermo, dalle ore 10 al San Paolo Palace hotel del capoluogo siciliano. Nella prima parte della giornata un approfondimento su “Le risposte alla Consultazione Pubblica attivata dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali sul D.Lgs 81/2008”. Scarica la locandina.

GLI INTERVENTI
Nel corso del convegno, moderato dal giornalista Salvatore Fazio, interverranno Marcello Pacifico, presidente UDIR e segretario organizzativo CONFEDIR , Rosario Gianni Leone, ex provveditore agli studi di Palermo e Trapani, Vito Lo Scrudato, ds del liceo classico “Umberto I”, Raffaele Guariniello, magistrato e giurista, e Natale Saccone, ingegnere e consulente nazionale per la sicurezza di UDIR.

GLI INVITI
Sono stati invitati al convegno nazionale di Udir varie personalità del mondo della scuola e non, a cominciare da Lucia Azzolina, Fabiana Dadone, Nunzia Catalfo e Roberto Speranza, rispettivamente ministri dell’Istruzione, della Funzione Pubblica, del Lavoro e delle Politiche Sociali e della Salute, Roberto Lagalla assessore all’istruzione della Regione Sicilia, e gli onorevoli  Virginia Villani (M5S), Lucia Ciampi (PD), Stefano Fassina (LeU) Alessandro Pagano (Lega), Carmela Bucalo (Fratelli d’Italia), Valentina Aprea (Forza Italia) e Camilla Sgambato (Responsabile Scuola PD).

IL COMMENTO DEL PRESIDENTE UDIR
“Molti edifici scolastici non sono in sicurezza – osserva Marcello Pacifico, leader del sindacato Udir, ai microfoni di Teleborsa – e i ds devono sapere quali sono le loro responsabilità, per evitare sanzioni penali. Occorre sensibilizzare la politica e i Ministeri competenti a cambiare la norma, per adeguarla alla realtà”.

news di marco perelli ercolini

IN BREVE n. 7-2020

INPS Circolare n. 16-2020

INPS Circ_19 del 7 febbraio 2020 – INPS allegati 1 circ_19
INPS Circ_18 del 7 febbraio 2020 – Allegato 1 circ_18
INPS Circ_25 del 13 febbraio 2020
MIUR Ordinanza esami stato Medcina 2020
MIN SAUTE Lavaggio mani
INPS Mess_470 del 7 febbraio 2020
AG_ENTRATE Risoluzione_7E 11febbr2020-u
AG_ENTRATE Interp_51-2020

riforma pensioni 2021

Roma – 27 Gennaio 2020
Audizione al Ministero del Lavoro in tema di riforma previdenziale

Importante e proficuo incontro ieri alla presenza del Ministro Catalfo e delle Parti Sociali. Audizione ricca di contenuti ed iniziative il cui focus verterà sul superamento delle varie criticità della previdenza. Leggi il comunicato CONFEDIR.

UDIR INCONTRA La MINISTRa AZZOLINA

COMUNICATO STAMPA
DIRIGENTI SCOLASTICI – Resoconto incontro con la ministra Azzolina:
proposte UDIR su reclutamento, organici, mobilità straordinaria

Il 22 gennaio 2020 il giovane sindacato ha incontrato la Ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina; tanti i temi trattati. Ecco il resoconto ufficiale a cura di UDIR

Il giovane sindacato, al fine di eliminare il fenomeno delle reggenze, ha chiesto lo scorrimento delle graduatorie di merito degli idonei dell’ultimo concorso, nuove regole che consentano la mobilità di tutti i dirigenti già assunti con riguardo all’anzianità e il ripristino del numero delle 4 mila sedi soppresse dieci anni fa. L’obiettivo di Udir è quello di ridurre drasticamente il fenomeno delle reggenze, che devono essere utilizzate essenzialmente per la copertura di posti che si rendono vacanti per motivi di mutamento di stato giuridico del ds titolare, valutando a questo fine l’opportunità di prevedere, fin dal primo provvedimento legislativo utile, che la graduatoria di merito del concorso 2017 possa correre fino all’assunzione di tutti gli idonei.
Questo è utile non solo a coprire tutti i posti che saranno vacanti e disponibili nell’anno scolastico 2021/2022, ma anche a scongiurare il ricorso a ulteriori ed eventuali reggenze, cui facilmente si potrebbe andare incontro in quanto assai probabile che non si riesca a ultimare una nuova procedura concorsuale in tempo utile.
Molto preoccupante risulta la situazione che si va prospettando, relativa alla mobilità dei dirigenti scolastici, nei prossimi 10 anni. La mobilità dei dd.ss. appena immessi in ruolo fuori della propria regione sarà ostacolata infatti da almeno tre fattori: il vincolo triennale di assegnazione alla propria sede, sancito dal contratto di lavoro; il limite del 30% delle sedi disponibili da riservare alla mobilità interregionale, previsto nello stesso contratto di lavoro; la sincronia con cui i dd.ss. si troveranno a chiedere la mobilità interregionale alla scadenza di ogni triennio.
Da una parte per ciascuna annualità gli USR renderanno disponibili solo poche sedi nelle diverse regioni, mentre dall’altra entrerà in gioco un gran numero di dd.ss. che chiederanno la mobilità. Il combinato disposto dei suddetti fattori rischia di rendere di fatto impossibile e bloccata per lungo tempo la mobilità interregionale per la maggior parte dei dirigenti scolastici da poco immessi in ruolo fuori regione che, per quanto prevista nel contratto, sarà per loro di fatto preclusa.
Per scongiurare il blocco completo della mobilità interregionale nei prossimi anni e impedire il rovesciamento di ogni criterio di merito nell’attuale procedura che di fatto penalizza in primo luogo i dirigenti scolastici assunti da tempo, proponiamo di adottare a partire dall’a.s. 2020/2021 la mobilità straordinaria su tutte le sedi disponibili prima delle nuove immissioni in ruolo e l’abolizione del tetto del 30% e di qualsiasi limitazione al numero delle sedi disponibili per la mobilità interregionale, con particolare riguardo anche all’anzianità di servizio maturata nel ruolo di dirigente e alla modalità di assunzione attraverso il concorso nazionale.
Sugli organici, infine, si è sottolineato come occorra ritornare ai parametri per l’assegnazione dell’autonomia scolastica previgenti al DPR 81/09 e alla legge 133/2008 per recuperare le 4 mila sedi soppresse.

Ripresa tavoli parti sociali

Riparte il confronto con le parti sociali in materia di pubblico impiego e previdenza. La CONFEDIR sarà audita al Ministero del Lavoro e Presidenza del Consiglio dei Ministri-Funzione Pubblica quale componente  sempre in prima linea in materia di miglioramento e sviluppo delle performances dirigenziali e tutela previdenziale.
Scarica il comunicato stampa.